Farmacia Pane Boscoreale
Sin dal 1973, al servizio dei cittadini con professionalità, passione, impegno e con farmacisti altamente qualificati.
Via Sottotenente Ernesto Cirillo 138
Chiama in Farmacia
+ (39) 081 537 4810 Inviaci un Fax
Ordina su WhatsApp
Scrivici per email
Chiama in Farmacia
Scrivici per email
Via S. Ten. Ernesto Cirillo 138
Title Image

Epatite Autoimmune

Sintomi e Diagnosi

Epatite Autoimmune

Tra le malattie del fegato causate da un difetto del sistema immunitario, c’è l’epatite autoimmune. Come la maggior parte delle malattie autoimmuni, questa patologia colpisce soprattutto le donne: oltre il 70% dei pazienti, infatti, è di sesso femminile. Anche se forse meno “famosa” delle epatiti virali, l’epatite autoimmune può essere altrettanto pericolosa: approfondiamo l’argomento con l’aiuto del professor Alessio Aghemo, Responsabile dell’Unità Operativa di Epatologia di Humanitas.

Epatite autoimmune: una definizione

Quando il sistema immunitario ha qualcosa che non va, tende a non riconoscere come proprie le cellule dell’organismo, e crea quindi anticorpi per difendersi dalle sue stesse cellule: il risultato è che l’infiammazione che ne deriva può trasformarsi in malattia autoimmune.

L’epatite autoimmune è un esempio di questo tipo di malattie: il sistema immunitario non riconosce le cellule che compongono il fegato, e perciò le attacca; come conseguenza si crea un’infiammazione del fegato che, se non curato, si deteriora progressivamente. Questa patologia colpisce prevalentemente le donne e può svilupparsi in qualsiasi età, anche se è più comune tra i 40 e i 70 anni.

Ne possiamo distinguere due forme, a seconda degli anticorpi che l’organismo produce:

– Epatite autoimmune di tipo 1: si manifesta a qualsiasi età e molto spesso è legata ad altre patologie autoimmuni, come l’artrite reumatoide o le tiroiditi. Gli anticorpi in questione sono quelli antinucleo (ANA) o antimuscolo liscio (ASMA);

– Epatite autoimmune di tipo 2: si manifesta spesso nelle donne di giovane età o anche in età pediatrica con altre patologie su base autoimmune. Riguarda gli anticorpi microsomiali fegato-rene (LKM1).

Epatite autoimmune: i sintomi

La prima fase della malattia è generalmente senza sintomi e l’unico modo per capire che qualcosa non va sono degli esami del sangue (es. aumento delle transaminasi). Come altre patologie che riguardano il fegato, le epatiti autoimmuni possono causare ittero, urine scure e feci grigiastre. Se la malattia progredisce, si può arrivare alla cirrosi epatica, e addirittura all’insufficienza epatica.

Diagnosi e trattamento delle epatiti autoimmuni

Per diagnosticare l’epatite autoimmune si eseguono:

1. alcuni esami specifici del sangue (che, tra le altre cose, sarà in grado di distinguere l’epatite autoimmune dall’epatite di origine virale).

2. una biopsia epatica.

3. Serve fare una ecografia dell’addome per stadiare la malattia di fegato e capire se ci si trova davanti a un quadro di cirrosi epatica.

La terapia di riferimento consiste in immunosoppressivi; si usa il cortisone come farmaco di attacco e poi si possono inserire altri farmaci (come l’azatioprina) per controllare l’infiammazione nel lungo termine. Nei casi più gravi è necessario il trapianto di fegato.

Si può prevenire l’epatite autoimmune? Non esistono misure per prevenire l’epatite autoimmune. Possiamo seguire uno stile di vita sano, con un’alimentazione equilibrata, ricca di verdura, frutta e cereali integrali, diminuendo alcolici, fumo ed evitando la sedentarietà. (Salute, Humanitas)